La pausa caffè diventa sempre più “automatica”. E green

I distributori automatici di snack e caffè segnano un boom: i dati del settore confermano il trend in crescita, con quasi 5 miliardi di consumazioni (4 miliardi e 960 milioni) erogate nel 2016. Secondo quanto rileva uno studio di Confida, l’associazione Italiana della distribuzione automatica, in collaborazione con Accenture, le cosiddette “vending machine” raggiungono un fatturato di 1,83 miliardi di euro, con un aumento di 0,48% rispetto all’anno precedente. E caffè e snack sono in testa alle preferenze dei consumatori.

Gli italiani acquistano cibi e bevande ai distributori automatici almeno 2 volte a settimana

Mancanza di tempo, cambiamenti negli stili di vita e delle abitudini alimentari, comodità e perché no, qualche piccolo risparmio, inducono ogni italiano ad acquistare cibi e bevande almeno 2 volte a settimana ai distributori automatici. “Gli italiani sono dei grandi consumatori ai distributori automatici forse perché stiamo più spesso fuori casa e dunque consumiamo più pasti fuori casa”, spiega all’Adnkronos Michele Adt, direttore generale di Confida.

Il caffè è il prodotto più gettonato, ma l’offerta delle vending machine si sta ampliando

Il caffè è il prodotto più gettonato, con 2,7 miliardi di consumazioni rappresenta il 55,5% del totale, seguito dall’acqua con 722 milioni, Anche le bevande calde però stanno aumentando, come il ginseng, il tè, e gli snack a base di frutta secca. “L’offerta delle vending machine si sta ampliando ed è in grado di soddisfare esigenze nutrizionali e gusti differenti – prosegue il direttore generale – ad esempio quest’anno si è registrato un aumento del 21% dei prodotti senza glutine, una crescita dei prodotti a chilometro zero ed equo solidali. E poi sono cresciute determinate gamme di prodotti come la frutta secca oppure i succhi 100% frutta. Mentre la vendita di bevande gasate è in calo”.

I distributori automatici sono sempre più green

In Italia sono oltre 800 mila i distributori automatici installati. Le macchine sono ubicate presso aziende pubbliche e private, ospedali, scuole, università, ma anche nei luoghi di transito come aeroporti, stazioni, metropolitane. Sono aperte 24 ore al giorno e monitorate a livello di norme igienico-sanitarie. E diventano sempre più green: la sostenibilità ambientale ha infatti conquistato anche il settore dei distributori automatici, tanto che il 71% degli associati a Confida dichiara di adottare ormai soluzioni sostenibili, come distributori automatici a induzione, che risparmiano il 90% di energia, e i fondi di caffè vengono riutilizzati per produrre funghi commestibili o energia pulita. Sono poi disponibili anche snack con cioccolato 100% equo-solidale, o capsule del caffè di plastica riciclata.

Questa voce è stata pubblicata in Varie. Contrassegna il permalink.