Il consumatore nella Augmented Era

Nelle ultime settimane sono state usate molte etichette per descrivere l’attuale fase dell’emergenza Covid-19. Si è parlato di new normal, di resilienza e di accelerazione digitale. Ma sicuramente la nuova era che stiamo vivendo sarà anche “aumentata”, un’Augmented era, quindi. Perché negli ultimi mesi le persone hanno sviluppato nuove competenze, nuove abitudini e nuovi bisogni.

Le esperienze accumulate in questi mesi hanno reso inoltre i consumatori più esperti ed esigenti, e questo comporta anche un ripensamento (Rethink) del modo di vivere, di pensare e fare acquisti. Di questo si è parlato in occasione della Web Conference di GfK Italia dal titolo Una nuova Augmented Era: scenari in ri-Evoluzione.

Rethink Spending, il nuovo consumatore aumentato

“Oggi gli italiani non sono rassegnati, ma resilienti e motivati – commenta Daniele Novello, Sub-Lead Consumer Insight di GfK -. Ci aspettano settimane e mesi in cui l’impulso all’auto-concessività negli acquisti sarà più debole rispetto al recente passato”. In questi mesi si sta osservando una progressiva affermazione della logica chiamata da GfK del Rethink spending, ovvero consumatori che stanno riconfigurando le proprie priorità di consumo.

“Anche le aziende devono essere pronte ad abbracciare questa logica Rethink – aggiunge Novello – la marca deve oggi più che mai ascoltare ed essere pronta a seguire l’evoluzione dei bisogni delle famiglie”.

Cosa succederà nei prossimi mesi al carrello della spesa?

“Sarà interessante capire se alcuni dei trend di crescita che abbiamo osservato in questa fase, come la digitalizzazione e l’incremento della dotazione tecnologica domestica, saranno in grado di far chiudere l’anno con un segno positivo”, commenta Fabrizio Marazzi, Solution Lead, Market Insights Gfk.

“Molti dei driver di crescita che avevamo individuato durante il lockdown continuano a permanere anche in questa fase e probabilmente condizioneranno anche i prossimi mesi – sottolinea Marco Pellizzoni, Commercial Lead Consumer Panels Gfk – come ad esempio la disinfezione, la voglia di sperimentare in cucina oppure la tendenza a ricreare in casa riti sociali come l’aperitivo. Cambia quindi il mix delle categorie acquistate e cambia anche il ruolo dei Canali, con un ridimensionamento del fenomeno della prossimità mentre cresce ancora il canale online”.

Consumi mediali tra evoluzione e rivoluzione

Anche dopo il lockdown continua la forte crescita delle piattaforme Video on Demand e dei canali TV tematici. “Quello che viviamo è sicuramente un momento complesso, ma stanno aumentando anche le opportunità per offrire contenuto alle audience, che oggi sono più aperte e interessate a nuove modalità di fruizione”, afferma Giorgio Licastro, Solution Lead Media Measurement Gfk.

Cosa possiamo aspettarci per i prossimi mesi dal punto di vista dei Media e della Comunicazione? “Una delle sfide più cruciali sarà quella del settore Entertainment – spiega Mara Galbiati, Product Lead, Media Measurement Gfk – al momento permane ancora incertezza rispetto alla possibilità di fruire di cinema, concerti e teatri fuori casa. Allo stesso tempo, gli spettatori stanno esplorando e sono molto interessati a nuove possibilità per accedere a questi contenuti, con nuovi format o magari sfruttando le potenzialità del digitale”. 

Questa voce è stata pubblicata in Varie. Contrassegna il permalink.